Regola Numero 3 – Evita New York

 

Cosa mi ha insegnato il Cinema
Regola Numero 3 – Evita New York

È noto a tutti che se qualcosa di tremendo deve accadere accadrà a New York o la coinvolgerà pesantemente. C’è un gigantesco gorilla colto dall’irrefrenabile bisogno di arrampicarsi su un palazzo o una flotta di alieni che deve atterrare? Lo faranno sicuramente a New York.

E non è finita. Mafiosi, serial killer, spie, terroristi, geni del crimine: tutti vivono nella Grande Mela o ci stanno andando per lavoro. I poliziotti di New York, quando vogliono riposarsi e stare un po’ tranquilli, fanno due turni di servizio in medio oriente (naturalmente nei Marines).

Un esempio illustre del crimine a New York:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

Io dico: stai alla larga.

Scena: il detective è a letto, nella sua casa a New York (lo sappiamo perché la scena è introdotta da una panoramica di repertorio del ponte di Brooklyn o dell’isola di Manhattan), suona il telefono e deve uscire: c’è stato un omicidio. E questo succede una volta a settimana. Ad ogni singolo detective di New York (e sono tantissimi).

Tra l’altro gli assassini newyorkesi sono particolarmente precisi: nessuno riesce mai a salvarsi.  Non lo so se c’entrano gli Yankees.

Anche la natura mi dà ragione: terremoti, maremoti, meteoriti… tutto raggiunge (e travolge) sempre New York.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Voi fate come volete: io non ci vado.

Regola Numero 2

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo di cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per statistica e pubblicità. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi