Gesta di Brigastio – Canto Quinto

 

Brigastio s’incammina con Corvino

Ed escon dalla stanza insanguinata;

Per primo avanza il Conte Paladino

Con Brandifiamma in pugno, già sguainata,

E il nostro eroe lo segue da vicino,

Ben pronto al trabocchetto e all’imboscata:

Se non li distinguesse l’armatura

Parrebbero una singola creatura.

 

I prodi avanzano in que’ corridoi

Scavati grezzamente nella roccia

E quel buiame par che non li annoi

Né quell’umidità par che gli noccia,

Pur se condensa sul soffitto e poi

Gli casca nel colletto a goccia a goccia:

I due, che sono impavidi e zelanti,

Si serrano i mantelli e vanno avanti.

 

A un tratto, poco prima di una svolta,

Odono voci, intese a così dire:

«Di nuovo? ma è già la terza volta!»

«Che posso far? Mi viene da dormire!

La guardia, nella notte, andrebbe tolta!»

«Mucala lì! Non pensi che a poltrire!»

«Mi abbiocco a stare qui di sentinella!

Che vuoi che sia una breve pennichella?

 

Tu svegliami se arriva l’ufficiale!»

«Va bene, ma non metterti sdraiato,

Che se ne accorge e noi finiamo male!»

Brigastio, non appena l’ha ascoltato,

Porta la mano all’elsa del pugnale

E piano al Conte dice: «Non un fiato!

Tu resta qui, che a lor penserò io:

Questi li sistemiamo a modo mio…»

 

Come una guardia dorme sulla panca,

Brigastio si avvicina piano piano,

Scivola dietro a quella meno stanca

(Che sta coi sensi all’erta e scruta in vano),

Le giunge quasi addosso e poi la branca,

Tappandole la bocca con la mano

Prima che n’esca una parola sola;

Quindi le passa Zanna sulla gola.

 

Regge il corpo affinché non faccia chiasso

E lo accompagna giù sul pavimento,

Poi va da quel che dorme come un sasso

E gli appoggia il coltello sotto il mento,

Quindi lo desta, senza far fracasso,

E mentre quello è colto da sgomento

Gli dice «Sveglia! E resta fermo e zitto!

O fai come ti dico o sei trafitto!»

 

Quel tale, che di eroico ha proprio poco

E quel poco l’ha ben lasciato altrove,

Come chi è su un vascello che va a fuoco,

Con gli occhi cerca scampo in ogni dove

E non ne può trovare in alcun loco,

Allora si rassegna e non si muove

E prega, e dice che farà di tutto

Per risparmiare alla sua donna il lutto.

 

Allor gli fa Brigastio, con disdegno:

«Dicci dove si trova Mirabella

E dove sta quel cavaliere indegno

Per cui tu stavi qui di sentinella,

Mettendoci, per altro, poco impegno!»

Quel non indugia e subito favella:

«Dietro questa porta in dura quercia,

Di polvere e di muffa sporca e lercia,

 

A cui feci la guardia così male

Che farei meglio se cambiassi impiego,

Si stende un corridoio in fondo al quale

S’apre una sala, fatta come spiego:

Scavata nella roccia in forma ovale,

È tanto larga ed alta che, non nego,

Ogni qual volta attraversarla devo

Mi gira il capo come quando bevo;

 

È lì che Cuordipietra siede in trono

Tiranneggiando altrui con gran piacere

E nella sala echeggia un tale suono,

Se ride o dà comandi alle sue schiere,

Che par che nella grotta vi sia un tuono

Da fare invidia alle tempeste vere…

Lì, dietro ad una porta, a tre mandate,

Sta chiusa quella donna che cercate.»

 

E al fine della frase usa il plurale

Poiché ha veduto bene Ser Corvino

(Guardando oltre la lama del pugnale),

Con lento piede, farsi più vicino,

Dubbioso su Brigastio e la morale,

E scuotere con forza il capo chino

Ché non gli par che ciò c’ha visto sia

Alcunché degno di cavalleria.

 

Brigastio allora dice al suo cattivo:

«Poi che m’hai raccontato tutto quello

Che t’ho richiesto, così ti prescrivo:

Partiti immantinente dal castello,

Che noi non lasceremo un uomo vivo

Che serva Cuordipietra in questo ostello;

E bada ben di non gridare “All’armi”

Se no mi toccherebbe d’arrabbiarmi…»

 

Il pelandrone, appena che ode questo,

Con una insospettata agilità,

Si mette in piedi e corre così lesto,

Per il timor di andar nell’aldilà,

Che, presa moglie e figli e tutto il resto,

Tempo un minuto, se ne va di là,

Trova un battello e vi si mette in mare

Con per destinazione “non tornare”.

 

Allora i nostri due, come uno solo,

Varcano quel portone minaccioso

Che porta dove il principe del dolo

Sta ritto sul suo trono tenebroso

E, come falchi c’han spiccato il volo

Planando sul paesaggio montagnoso,

Son pronti ad avventarsi sulla preda

E su chiunque il passo a lor non ceda.

 

Ma Cuordipietra ride dal suo scranno

Perché si è preparato a quest’istante

Quando due servi così detto gli hanno:

«Non s’ode in mensa più’l chiasso festante

Ma cozzi, grida, schianti e suon di danno!»

Sì ch’egli nella sala riecheggiante

Ha radunati tutti i suoi soldati

E par che più di cento ne ha schierati.

 

Ma ritardiamo un poco la novella

Circa la gran battaglia che si appronta

E ritorniamo a dir di Mirabella,

Di cui dal Canto Primo non si conta:

Cos’è avvenuto a questa damigella

Dopo che le fu fatta la grand’onta

Di trarla dalla casa di suo padre

E trascinarla qui in queste contrade?

 

Legata mani e piedi e imbavagliata

E trasportata a soma come un sacco,

La bella Mirabella, spettinata,

Fremente di paura e per lo smacco,

Con gran puntualità fu consegnata

(Pagata in contrassegno come un pacco)

A quel tiranno con il cuor di marmo

Che l’armi dell’Amor pose in disarmo.

 

Egli la chiuse in certi appartamenti

Che aveva fatto preparare apposta

Con due fantesche pronte ed efficienti

Che le badasser sempre senza sosta,

Poi la coprì di gioie e vestimenti,

Senza mai domandare “quanto costa”,

Sperando che, abbellendo la prigione,

Da lei potesse avere il guiderdone…

 

Ma Mirabella non fu affatto avvinta

Da quei bei doni su quel grande letto:

Se imporporiva sotto il fondotinta

O rossa si facea sotto il belletto,

Non era di vergogna in volto tinta

O colorata in viso dall’affetto,

Ma fatta era scarlatta dalla rabbia

D’esser tenuta come un gatto in gabbia.

 

Cuoredipietra provò in molti modi:

Le mandò doni e lettere d’amore,

Le parlò pieno di lusinghe e lodi,

Le disse «Bella m’hai rapito il cuore»

Le scrisse sei sonetti e sette odi,

Le offrì la cena e le donò un bel fiore;

Ma poi che sempre gli rideva in faccia

Al fine ripiegò sulla minaccia:

 

Le disse «Mirabella ti presento

Don Cincischione e Mazzamano il Boia:

Con un sol colpo d’ascia sotto al mento

La testa ti cadrà su quella stuoia

Che serve a non sporcare il pavimento.

Per cui decidi: ti dà meno noia

Che il Don consacri qui la nostra unione

O che impartisca a te l’estrema unzione?»

 

La bella dama alquanto tentennava

Nel dubbio della scelta tra i due orrori,

Ma poi che il boia l’ascia sua affilava

E il prete le dicea «Memento mori»

Si chiese quanto, in fondo, le gravava

Sposare il principe dei malfattori,

E concluse che avrebbe rinunciato

Piuttosto che alla vita al nubilato.

 

Don Cincischione celebrò le nozze

E Mazzamano il Boia fu invitato,

E quando, con maniere un poco rozze,

Ciascun dei convitati ebbe pranzato

Ad ostriche, caviale, scampi e cozze,

E il tempo di corcarsi fu arrivato,

A Mirabella il suo novel consorte

Tornò a parer più brutto della morte.

 

Allor gli disse: «Dolce mio marito»,

Mentre lui la scortava verso il letto,

«Mi duol di dir che non ho digerito:

Le cozze mi fan spesso quest’effetto…»

Lui disse: «Un digestivo sia servito!»

E poi le pose un palmo sopra il petto;

Gemette lei: «È troppo il mio dolore!

Rimanda di una notte il nostro amore!»

 

E tanto fece in gemiti ed in pianti

Che lui tornò a dormir nella sua stanza;

Ma il dì seguente si rifece avanti…

Lei disse: «Ho un movimento nella panza

Che mal si confarrebbe a degli amanti

Che avessero riguardo alla creanza;

Per cui ti prego, poiché mi vergogno,

Di rimandar d’un giorno il tuo bisogno.»

 

E Cuordipietra, per sembrar gentile,

Un’altra notte giacque con se stesso,

Ma il dì seguente ritornò all’ovile

E chiese «Il mio amoruccio s’è rimesso?»

E Mirabella: «Ho così tanta bile

Che passo la giornata sopra il cesso.»

Ed egli, scoraggiato da un tal motto,

Tornò a dormire con il suo orsacchiotto.

 

Notti diverse, medesima accoglienza:

Lui le diceva: «Moglie mia, suvvia!»

Lei ebbe il mal di testa, l’influenza,

L’ernia epigastrica e la lombalgia,

Quattro episodi di senil demenza,

La peste, la malaria, l’allergia,

E quasi ogni altra malattia funesta

Che viene a chi ha un marito che detesta.

 

Cuoredipietra, che di medicina

Non s’intendeva, ma non era idiota,

Vedendosi, mattina per mattina,

Svegliarsi solo in una stanza vuota,

Ammise infine che la mogliettina,

Di cui la ritrosia gli era ben nota,

Si difendeva dalle sue attenzioni

Fingendo nuovi morbi ed afflizioni.

 

La collera lo colse con veemenza

(Al fegato causandogli gran doglie)

E si risolse, bando alla clemenza,

La notte stessa visitar la moglie

E, fosse con parole o con violenza,

Ridurla a soddisfare le sue voglie,

Che ormai il suo affetto era mutato in astio…

Ma quella sera giunse lì Brigastio!

 

Canto Quarto

                             Canto Sesto

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo di cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per statistica e pubblicità. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi